Language

English

/

Spanish

/

Russian

/

Portuguese

/

Italian

/

French
Back

Il software di scommesse sportive Altenar si rinnova per i suoi clienti

Pensate di noleggiare l'hardware per la vostra azienda. Sapete che state ottenendo il meglio della tecnologia in quel momento. E siete a vostro agio con l'importo che state spendendo in relazione al tempo che vi fa risparmiare o alle entrate che potete recuperare.
Ora considerate cosa succede quando termina il noleggio. Ciò che era il migliore della categoria alcuni anni fa potrebbe ora essere obsoleto. In questa fase fate affidamento sul fatto che abbiano aggiornato l'hardware prima di concordare un rinnovo per stare al passo con i progressi della tecnologia, altrimenti è probabile che cerchiate un nuovo fornitore altrove.


È un'analogia che il Ceo di Altenar Stanislav Silin ritiene che possiamo estendere al concetto di fornitura di software per le scommesse sportive. Ha detto a SBC News che gli operatori che entrano in una partnership con un fornitore non impegnato in "aggiornamenti regolari" del software - o che non vogliono costruire la propria piattaforma da zero - saranno "sempre ostaggio dell'offerta precedente".
Avendo costruito la V1 della sua piattaforma nel 2010 Altenar ha raggiunto un punto in cui aveva bisogno di modernizzare il software piuttosto che mantenere gli aggiornamenti esclusivamente al codice precedente.


Pochi anni dopo la V2 della piattaforma è stata lanciata gradualmente a una quota selezionata dei suoi partner nell'aprile 2020 poiché Altenar cercava di "servire gli operatori a livello globale in modo più efficiente".


"Non sto dicendo che questa sarà la piattaforma su cui resteremo per i prossimi 10 anni", ha detto Silin. "Ma abbiamo lavorato con una certa modularità aggiuntiva in modo che sia più facile migrare o espanderla per aggiornare la tecnologia nel giro di pochi anni."


Allo stato attuale il 15-20% dei suoi partner è passato alla nuova piattaforma. La tabella di marcia per come questo aumenterà nel 2021, ha spiegato Silin, dipende sia dal momento migliore per la migrazione dal punto di vista dell'operatore, ma anche dai fornitori poiché molti operatori stanno lavorando con una società diversa per la piattaforma di gestione dell'account del giocatore (PAM).


Per questo motivo Altenar sta ancora lavorando su entrambe le piattaforme per ora - sia in termini di aggiornamento delle funzionalità codificate che di mantenimento delle valutazioni del laboratorio di prova. "A un certo punto ci atterremo ovviamente alla piattaforma V2 e ci espanderemo a tutti i mercati", ha sottolineato Silin.


Gli abbiamo chiesto in questa fase se si trattava di attingere risorse per l'azienda che doveva mantenere sia la V1 che la V2 della piattaforma. "È stato così negli ultimi due anni, e tuttavia siamo cresciuti", ha risposto. “Quindi ci siamo un po' abituati investendo nella nuova tecnologia mantenendo quella esistente. Quindi non è un cambio di paradigma per i nostri team di sviluppo".


Ha continuato: "Il motivo per cui sono vago sulle tempistiche (per l'inserimento di tutti i partner) è perché, come ho detto, dipende un po' dagli operatori e non vogliamo imporre loro scadenze rigide al momento"
Silin ha anche coinvolto Konrad Pizzuto, Direttore delle operazioni tecnologiche di Altenar, per ampliare i cambiamenti chiave e i vantaggi per i clienti per l'utilizzo dalla nuova piattaforma.


"Quindi, ad esempio, la nuova piattaforma ha la gestione dei margini che ha la capacità di impostare quote separate per quei casi quando necessario, completamente separate da ciò che sarebbe l'impostazione predefinita", ha detto Pizzuto. "È qualcosa che non esisteva nella piattaforma precedente.
"E c'è anche uno strumento di mappatura dei contenuti migliorato che ci consente di collegare quanti più contenuti, probabilità e fornitori di dati, mescolando e abbinando ciò di cui abbiamo bisogno".

Questa necessità di lavorare con più fornitori di quote, per Silin, è un altro motivo a favore dell'acquisto di software da un fornitore specializzato di scommesse sportive piuttosto che crearne uno proprio - poiché farlo da solo "non toglie la necessità di occuparsi di tutti questi fornitori".
Tuttavia i vantaggi della nuova piattaforma non sono solo quelli più visibili all'utente finale, come i contenuti integrati di terze parti e una più ampia gamma di probabilità.


"Uno dei vantaggi meno visibili della nuova piattaforma è che è più scalabile geograficamente", ha spiegato Pizzuto. “Viene servita molto più vicino a dove le persone la usano.


“Ci sono anche molte implicazioni architettoniche alla base del modo in cui è stata costruita. Qualcosa che dovrebbe ripagare a lungo termine, ad esempio, è un cambiamento nel modo in cui le applicazioni vengono distribuite. Quindi ora ne eseguiamo la maggior parte nel sistema open source Kubernetes".
Ha concluso: "L'agilità che deriva dalla tecnologia che abbiamo integrato significa che possiamo rispondere alle richieste di funzionalità dei nostri partner più rapidamente".